Gavino Murgia & Cantar Lontano “Officium Divinum”

Gavino Murgia & Cantar Lontano “Officium Divinum”

Gavino Murgia (sax soprano)

Cantar Lontano (ensemble): Alessandro Carmignani (controtenore), 

Paolo Borgonovo, Riccardo Pisani (tenore), Guglielmo Buonsanti (basso),

Marco Mencoboni (direttore)

Musiche di Guillaume Dufay, Pierre de La Rue, Cristobal de Morales, Perotin


Gavino Murgia e Marco Mencoboni hanno ideato il progetto “Officium Divinum” per mantenere in vita, col supporto dei solisti dell’ensemble Cantar Lontano, l’opera del sassofonista Jan Garbarek e del complesso vocale Hilliard Ensemble. Il loro lavoro, datato 1994 e prodotto da Manfred Eicher per la ECM, ha segnato un momento di svolta epocale nel mondo della musica contemporanea, rilanciando il crossover tra musica colta e jazz e portandolo su dimensioni raffinate come mai prima.

Nuorese, Gavino Murgia si è immerso nel mondo del jazz mantenendo un costante legame con le radici musicali della sua terra. Il canto a tenore e lo studio tradizionale delle launeddas si fondono con la musica afroamericana, trovando un percorso inedito e originale. Ha suonato con musicisti dagli orientamenti stilistici assai diversi: Rabih Abou-Kalil, Bobby McFerrin, Michel Godard, Mal Waldron, Roswell Rudd, Baba Sissoko, Al Di Meola, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Antonello Salis, Danilo Rea. E anche Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Vinicio Capossela, Piero Pelù, Noa.