Hobby Horse

Dan Kinzelman (sax, tastiere), Joe Rehmer (contrabbasso, tastiere),

Stefano Tamborrino (batteria, voce)

Formatisi nel 2010, gli Hobby Horse hanno già alle spalle cinque dischi e oltre duecento concerti in Italia, Europa e Stati Uniti. Questo trio, che affianca in maniera paritetica tre dei più significativi rappresentanti della ‘new wave’ jazzistica italiana (Kinzelman e Rehmer risiedono stabilmente da anni nel nostro paese), interseca slanci dinamici e improvvisazioni dall’incedere ipnotico, assorbendo e metabolizzando spunti dal free jazz, l’ambient, il rock e rifacendosi, nel repertorio, anche a Tom Waits, Robert Wyatt, Thelonious Monk. I confini del jazz sono ampiamente oltrepassati, dunque, attingendo liberamente ad altri generi, in un mix di stili che produce incontri a tratti anche violenti fra i linguaggi musicali, passando dall’hip hop alla bossa nova, la psichedelia, il prog rock, la techno e la musica da camera.